Contatta
Contatta
RAFI GmbH & Co. KG

Ravensburger Str. 128–134
88276 Berg/Ravensburg
Germania
T +49 751 89-0
F +49 751 89-1300

Phone Mail

GET IN TOUCH WITH HMI

SISTEMI HMI

IL FUTURO A PORTATA DI MANO CON RAFI

La nostra quotidianità è fatta di macchine: smartphone, automobile, computer, macchina da caffè, ascensore e la lista potrebbe continuare all’infinito. La maggior parte dei punti di contatto con le macchine è entrata a far parte della vita quotidiana a tal punto che quasi non ce ne accorgiamo.

Per questo motivo molte persone non pensano neppure a come interagiamo con le macchine. Noi di RAFI la vediamo diversamente. Dato il ruolo di spicco nella produzione di sistemi HMI, tutti i giorni ci occupiamo del momento di interfacciamento fra uomo e macchina, cioè della Human Machine Interface. Il nostro obiettivo è fare in modo che questo momento risulti un’esperienza positiva..

Noi ci consideriamo un’azienda che fornisce soluzioni. In altri termini, voi ricevete la vostra Human Machine Interface con tutti gli annessi e connessi. Dal touchscreen ai dispositivi di segnalazione e comando, dai pulsanti a corsa breve ai sistemi elettromeccanici come i joystick, dai componenti elettronici a software e alloggiamenti. Scegliere RAFI significa avere un unico partner per tutto, con soluzioni basate su un’unica piattaforma, della massima qualità e con time-to-market ridotto. Dall’idea al prodotto finito.

Veicoli - HMI

PULIZIA DELL'AREA DI TRAFFICO

Pannello di controllo facile da usare con dispositivi di comando e segnalazioneRAMO 22

Nel lavoro quotidiano delle macchine per la pulizia dei pavimenti, la tecnologia di controllo deve sopportare molto e, oltre alle influenze meccaniche, anche alcune operazioni rustiche.

Per questo la Dr. Gansow Gmatic AG si affida agli interruttori della serie RAFI RAMO 22, facili da installare e robusti, come unità di comando nelle sue lavapavimenti Gmatic e Rotan di alta qualità.

FLEXSCAPE
PIATTAFORME

MODULARI. AFFIDABILI. INNOVATIVE.

Le nostre piattaforme innovative, studiate su misura del cliente, vengono adottate laddove per macchine e dispositivi sono richieste modalità di utilizzo specifiche. Il nostro portafoglio di prodotti comprende touchscreen, piattaforme di calcolo ed elementi di comando multifunzionali come joystick o encoder rotativi. In ogni fase del processo siamo al vostro fianco per offrirvi una soluzione che trasformi il vostro pensiero in un prodotto unico. Inoltre ci occupiamo di sviluppo, produzione e ogni servizio accessorio.

...PIÙ

[Translate to Italienisch:] CONTROL AND SIGNALING COMPONENTS
DISPOSITIVI DI COMANDO E SEGNALAZIONE

QUALITÀ DI CUI POTETE FIDARVI

Da decenni i nostri dispositivi di comando e segnalazione sono prodotti apprezzati impiegati nei campi più diversi. Oggi sono parte integrante e irrinunciabile di molti sistemi di Human Machine Interface sul mercato. Ma anche su questo fronte le nostre innovazioni non mancano: in versione plug & play o IO-LINK, i nostri prodotti fanno tendenza. Tutti i componenti standard non sono commercializzati solo direttamente da RAFI ma sono disponibili anche presso molti partner commerciali in tutto il mondo.

...PIÙ 

PULSANTI A CORSA BREVE
PULSANTI A CORSA BREVE

NULLA LASCIATO AL CASO

I pulsanti a corsa breve RAFI sono ideali per l’uso nel settore automotive, della meccanica, della costruzione di segnaletica e delle tecnologie di misurazione, controllo e regolazione. In questi campi sono impiegati da decenni garantendo un funzionamento ineccepibile e ovviamente danno prova della loro qualità anche integrati nei nostri sistemi HMI. Per il vostro progetto di HMI potete contare su un’ampia scelta di pulsanti a corsa breve che potete acquistare in tutto il mondo tramite i nostri partner commerciali.

...PIÙ 

[Translate to Italienisch:] [Translate to Englisch:] KIS.LIGHT und KIS.BOX von RAFI
SOLUZIONI DIGITALI

LA DIGITALIZZAZIONE SEMPLICE

Digitalizzare in modo semplice ovunque qualcuno lavori, anche in postazioni remote o destinate a operazioni manuali. Con questo obiettivo noi di RAFI ci siamo messi in pista e con la soluzione KIS.ME abbiamo tagliato il traguardo dell’innovazione. Nulla di più semplice per rendere la vostra azienda più trasparente, ad esempio, che collegare in rete e ottimizzare i processi manuali senza alcuna programmazione o consulenza aziendale. Basta collegare, configurare e cominciare. All’insegna del principio “Keep it simple. Manage everything”. Non vi resta che provare!

...PIÙ 

Il nostro ruolo di leader tecnologico ci impone requisiti qualitativi elevati applicabili alla nostra azienda e ai nostri prodotti.
TECNOLOGIE

NULLA LASCIATO AL CASO

Il nostro ruolo di leader tecnologico ci impone requisiti qualitativi elevati applicabili alla nostra azienda e ai nostri prodotti. Per questo produciamo in buona parte internamente i nostri sistemi HMI: sensori touch, stampa, lavorazione dei metalli, produzione dei componenti elettronici o stampaggio a iniezione di materiali plastici. E per garantire la massima qualità RAFI si avvale dei macchinari più moderni. Per la stampa, macchine serigrafiche a letto piano, macchine da stampa a cilindro automatiche, stampanti digitali, macchine per tampografia e macchine per stampa a rilievo a caldo. Nel campo delle materie plastiche, presse a iniezione idrauliche ed elettriche, nonché diversi processi speciali per la formatura di vetro e lo stampaggio a iniezione bicolore e multicomponente. La lavorazione dei metalli avviene con o senza asportazione di truciolo, su centri di lavoro a CNC, nonché con l’ausilio di diversi sistemi di saldatura e inserimento a pressione di inserti filettati. Per i nostri sensori touch “made in Germany”, sfruttiamo metodi quali la funzionalizzazione superficiale a laser degli strati ITO, la stampa di conduttori sottili per il collegamento dei punti dei sensori, tecnologie di collegamento elettriche mediante processo di sigillatura a caldo, laminazione sottovuoto di piastre di copertura e funzionali in vetro, nonché l’optical bonding fra sensori del touchscreen. Infine ci occupiamo ovviamente anche del montaggio dei sistemi, in parte manualmente e in parte in modo automatico. Per la produzione dei componenti elettronici potete consultare la sezione relativa al settore EMS.

MOLTI SETTORI SI AFFIDANO A RAFI
OMOLOGAZIONI

MOLTI SETTORI SI AFFIDANO A RAFI

A scegliere i sistemi HMI di RAFI sono numerose aziende leader nei settori più diversi. Le esigenze in fatto di qualità, di affidabilità e di sicurezza sono altissime. Il fatto che i nostri prodotti le soddisfino è confermato da numerose omologazioni e da tanti certificati: a partire dalla conformità CE e UL ai settori della tecnologia medica, alla metalmeccanica, dalla costruzione di macchine agricole alla sicurezza funzionale. Qui trovate tutti i certificati.

SODDISFATTI DALL’INIZIO ALLA FINE
ASSISTENZA

SODDISFATTI DALL’INIZIO ALLA FINE

Chi fornisce prodotti di alto livello ha bisogno di un’adeguata assistenza. Per assicurare che un dispositivo soddisfi le vostre aspettative a lungo nel tempo, ci occupiamo dell’intero processo oltre alla certificazione della qualità e delle omologazioni: consulenza personale, project management, coordinamento tecnico, ingegnerizzazione, sviluppo, gestione dei materiali, costruzione dei mezzi di esercizio, controlli, tracciabilità, riparazioni, assicurazione della qualità e servizio after sales.

RAFI - SODDISFATTI DALL’INIZIO ALLA FINE
HMI

Human Machine Interface, interfaccia uomo-macchina, sistemi HMI: di che cosa si tratta?

I termini interfaccia uomo-macchina e Human Machine Interface, spesso abbreviati HMI, si riferisco per definizione a una funzione o un componente con cui l’umo può interagire con le macchine e controllarle. Spesso queste interfacce sono touchscreen, anche in ambito industriale. Di sistemi HMI completi si parla quando, oltre all’interfaccia vera e propria, si intende includere anche ad es. l’alloggiamento, il software e gli altri dispositivi di comando, come pulsanti e interruttori.

Da che cosa è costituita una Human Machine Interface?

... Più

Come già anticipato, attualmente sul mercato dei dispositivi HMI il ruolo da protagonista spetta al touchscreen. Tuttavia un’interfaccia fra uomo e macchina non deve sempre essere necessariamente uno schermo capacitivo. Nella pratica anche dispositivi di comando, tastiere, joystick o joycoder possono svolgere questa funzione. La scelta dipende sempre dal compito specifico. Ad esempio per garantire il funzionamento in assenza di visibilità, un semplice interruttore può essere funzionale tanto quanto un touchscreen con riconoscimento della pressione e feedback aptico. Per applicazioni più complesse, ad esempio nell’automazione, è invece sicuramente consigliabile un pannello HMI con touchscreen. Queste HMI ad alte prestazioni spesso devono assolvere a molteplici funzioni: visualizzazione dei dati, diversi livelli di comando, molteplici possibilità di inserimento dati. Naturalmente su questo fronte prevalgono i vantaggi di un touchscreen che tuttavia, nella maggior parte dei casi, è associato a elementi aggiuntivi come una tastiera, sistemi elettromeccanici o altri componenti hardware, per soddisfare i requisiti elevati di sicurezza e fruibilità. Certamente già in fase di sviluppo occorre considerare l’uso che si farà di un dispositivo nella pratica.

... Meno

L’interfaccia uomo-macchina in diversi comparti industriali

I requisiti di fruibilità e sicurezza dell’HMI sopra citati variano a seconda del campo di applicazione. Per questo conviene esaminare in modo più approfondito alcuni comparti industriali o settori per comprendere le differenze fra i sistemi uomo-macchina. Un tema che coinvolge molte risorse dei reparti sviluppo, progettazione e acquisti è la disponibilità a lungo termine. Soprattutto sul fronte dei dispositivi touch, spesso la produzione di alcune serie viene interrotta non appena sul mercato ne viene lanciata una nuova. Qui avere un partner affidabile è essenziale e per questo motivo RAFI produce internamente i sensori per i touchscreen. Questo da un lato assicura la qualità e dall’altro offre ai clienti la garanzia di poter pianificare a lungo termine.

... Più

Settore automotive

Il settore automotive è estremamente diversificato. Dai veicoli tradizionali ai trattori più evoluti, ai gatti delle nevi, tutto ciò che si muove può essere dotato di un sistema HMI idoneo. Nel settore automobilistico a dominare la scena, oltre alle dotazioni di sicurezza, sono sempre più i sistemi multimediali e di assistenza alla guida. Non è un caso che su quasi ogni centimetro quadrato di alcune auto sia presente un touchscreen, un pulsante o un interruttore. Tuttavia al momento la tendenza è piuttosto verso una riduzione e concentrazione delle funzioni in un’unica HMI. Tesla, l’azienda americana pioniera della mobilità elettrica, con le sue soluzioni touch ha già aperto la strada. Sarà interessante vedere come l’industria automobilistica tradizionale reagirà in futuro.

Nel campo dei veicoli agricoli ovviamente la priorità spetta alla semplicità di utilizzo. Tuttavia le interpretazioni di questo concetto sono decisamente più personali. In effetti a seconda del campo di impiego le attrezzature da controllare sono molto diverse. Nei trattori moderni spesso vengono utilizzati pannelli HMI che combinano touchscreen per uso industriale con joystick, dispositivi di comando e tastiere a membrana. In tal caso si parla dei cosiddetti braccioli multifunzionali, dove anche l’ergonomia assume un ruolo centrale in fase di sviluppo. Questo perché durante l’utilizzo non deve subentrare alcun affaticamento riconducibile all’uso di un sistema HMI.

Nei veicoli speciali i fattori determinanti sono analoghi: sicurezza, ergonomia e fruibilità, con una maggiore personalizzazione. Il motivo è semplice: un gatto delle nevi con cui si preparano le piste in un comprensorio sciistico ha requisiti completamente diversi relativamente alla HMI rispetto a uno spazzaneve impiegato per lo sgombero di arterie stradali regionali. Per queste macchine mobili lo sviluppo personalizzato è la norma. Che si opti per joystick, touchscreen, dispositivi di comando o tastiere, la decisione è assunta in stretta collaborazione con il cliente. Tuttavia anche in questo caso prevale l’uso di combinazioni di più elementi diversi.

Tecnologia medicale

La sicurezza in ambito sanitario è l’imperativo assoluto. Gli apparecchi elettromedicali non possono arrestarsi in modo inatteso: in fondo si tratta di vita o di morte. Per questo gli iter di omologazione e certificazione della qualità sono estenuanti e impegnativi in questo campo. Poiché durante interventi o esami diagnostici l’uso di un apparecchio in assenza di visibilità è spesso inevitabile, nella tecnologia medica si lavora generalmente con elementi che generano un feedback aptico. Da poco questo questa funzionalità è applicabile anche ai touchscreen resistenti ai fluidi con riconoscimento della pressione. Generalmente è prevista la combinazione con dispositivi di comando come pulsanti e interruttori, per non lasciare nulla al caso.

Un’ulteriore sfida frequente è rappresentata dalla scelta dei giusti materiali, che devono resistere a una pulizia costante con detergenti battericidi, virucidi e fungicidi spesso piuttosto aggressivi per poter ottenere gli effetti auspicati.

Affinché un sistema HMI possa essere usato in modo agevole, è necessario che anche la lavorazione sia idonea. La macchina tecnicamente migliore serva a poco o nulla se, ad esempio, non è garantita una certa assenza di fessure. E non fa alcuna differenza se si tratta di un’apparecchiatura a ultrasuoni, per uso chirurgico o di un ventilatore meccanico.

Industria

Produttività, efficienza, ottimizzazione dei processi: nell’industria contano i risultati, sia che si tratti di costruzione di macchine e impianti, elettrotecnica o strumenti di misurazione, controllo e regolazione. Una Human Machine Interface deve innanzitutto far funzionare in modo affidabile macchine e impianti, come ad esempio macchine continue e macchine da stampa, macchinari per la lavorazione di pelle e tessuti oppure robot industriali. Soprattutto nel campo della robotica si utilizzano sempre più spesso pannelli HMI mobili, i cosiddetti smartpad, che sono paragonabili a un tablet per uso industriale e consentono all’operatore la massima flessibilità di comando.

Inoltre spesso le interfacce uomo-macchina nell’industria svolgono funzioni che vanno oltre il semplice controllo. Tramite HMI l’utente può infatti richiedere informazioni su stati della macchina, visualizzare processi e controllare diversi utensili. Di frequente la visualizzazione di tutte le applicazioni avviene sotto forma di dashboard personalizzabili. Per questo software, unità di calcolo e sistema operativo – che i fornitori di HMI esperti spesso sviluppano e propongono in un unico pacchetto – lavorano in background interagendo fra loro. Non di rado viene studiato e realizzato anche il collegamento al sistema SCADA.

Progettazione

Un aspetto che non è ancora stato affrontato è la progettazione. In quasi tutti i settori riveste un ruolo sempre più centrale. Le macchine non sono tutte uguali. Allo stato attuale dell’evoluzione tecnologica spesso la differenza sta tutta nella progettazione. Tuttavia non ci riferiamo esclusivamente a colore e forma dell’esterno, bensì anche anche all’UX design, dove UX sta per “User Experience”. In altri termini si migliora al massimo l’esperienza per l’utente e contestualmente si riduce al minimo il rischio di errori.

Sistemi HMI integrati in sistemi SCADA

Che cosa ha a che fare la tecnologia HMI con SCADA (“Supervisory Control and Data Acquisition“ ossia “controllo di supervisione e acquisizione dati”)? I sistemi SCADA servono al controllo centrale di un impianto o dell’intero stabilimento. Spesso includono diversi sistemi HMI per il controllo e il monitoraggio di singoli macchinari, impianti, processi o dispositivi. Un sistema SCADA o un sistema di controllo privo di qualsiasi HMI sostanzialmente non esiste.

Tecnologie per la realizzazione di sistemi HMI

Per realizzare una Human Machine Interface sono necessarie specifiche conoscenze pratiche a livello di sviluppo e produzione. Per giungere a un risultato finale soddisfacente è necessaria la cooperazione fra diversi ambiti, e infatti la perfetta integrazione fra tutti i soggetti coinvolti in un processo senza intoppi costituisce una delle maggiori sfide. Soprattutto perchè molti produttori di HMI esternalizzano determinate fasi di processo. Al contrario, se il cliente lo desidera, RAFI può occuparsi internamente di tutti i passaggi, dall’idea al prodotto finito. Per garantire questo metodo, nel corso degli anni abbiamo raggiunto una integrazione verticale senza eguali: produzione di sensori touch, assemblaggio SMT, montaggio THT, lavorazione dei metalli, lavorazione delle materie plastiche, costruzione degli stampi, realizzazione degli strumenti di prova, mentre molti altri reparti presso le nostre sedi producono i singoli elementi nella qualità desiderata. Al termine di questo processo i sistemi HMI forniti da RAFI sono dotati di alloggiamento, dispositivi di comando, touchscreen, joystick, sistemi elettromeccanici, software, sistema operativo e unità di calcolo.

Uomo e macchina nel futuro

Naturalmente anche il mercato dei sistemi HMI è in continua evoluzione. In particolare nel settore dei beni di consumo sta prendendo sempre più piede il controllo delle Human Machine Interface attraverso la mimica, la gestualità e il linguaggio. L’esperienza insegna che simili tendenze richiedono più tempo per essere attuate in campo industriale, poiché esistono più prescrizioni e omologazioni da soddisfare a garanzia di un funzionamento sicuro. In effetti il controllo vocale, decisamente più semplice da realizzare, così come adottato da alcuni assistenti vocali, potrebbe avere effetti deleteri in un impianto produttivo. Come già detto, le macchine non sono tutte uguali. Per questo anche i sistemi HMI sono così diversi.

... Meno
site-to-top